YouTube bloccherà gli ad blocker unendo gli annunci nei video sul lato server

Nella sua continua lotta contro le tecnologie di blocco degli annunci, Google intende iniziare a inserire gli annunci nei video di YouTube prima che questi lascino il server.

2024-06-14
YouTube states that avoiding ads with adblockers violates the terms and services of their streaming service.
Gli annunci pubblicitari di YouTube sono fastidiosi e sempre più spesso non sono più eliminabili. Se odiate gli annunci, ma non volete acquistare YouTube Premium, le vostre opzioni si assottigliano di giorno in giorno. Scopri di più qui sotto!

Tutto dipende dal modello di business

Uno dei più grandi siti web esistenti, YouTube, è completamente gratuito, sia per pubblicare che per guardare i video. YouTube non richiede abbonamenti e, anche con la recente introduzione di YouTube Premium, la maggior parte dei suoi profitti proviene, indovinate da dove? Pubblicità!

Quei fastidiosi annunci video, sempre meno skippabili, che si inseriscono tra i contenuti desiderati sono una delle principali fonti di guadagno di YouTube. Nonostante sia il più grande sito di condivisione video del web, il prodotto principale di YouTube non sono i video. Fin dalle sue prime fasi, YouTube ha cercato di rendere più gradevole il consumo di pubblicità inserendole tra i video che l'utente è effettivamente interessato a guardare.

Questa pratica è passata da tollerabile a decisamente insopportabile, con gli annunci che ora non possono essere saltati e i video che non si caricano completamente se Google rileva che l'utente utilizza un adblocker. Google spinge l'utente a digerire un numero sempre maggiore di annunci per ottenere un guadagno, ma così facendo si aggiunge alla tendenza in atto che il modello di business basato sugli annunci sta morendo. Il motivo è semplice: Più annunci si devono vedere, meno ci si diverte a navigare su YouTube o su qualsiasi altro servizio gratuito che utilizza lo stesso modello di business.

L'ascesa e la popolarità di YouTube

YouTube ha fatto il suo ingresso in Internet nel 2005 ed è stato acquistato da Google verso la fine del 2006, realizzando il sogno della maggior parte delle start-up tecnologiche statunitensi di essere mangiate dal pesce più grande. Fin dall'inizio, quindi prima di Google, il modello di business di YouTube è stato quello di monetizzare i video degli utenti come mezzo pubblicitario. State cercando l'ultimo video virale? Dovrete sorbirvi una pubblicità di 10 secondi per una crema per i calli. Inserendo gli annunci immediatamente prima del contenuto desiderato, YouTube tiene in ostaggio la vostra attenzione e il vostro interesse.

Se all'inizio YouTube consentiva agli utenti di saltare gli annunci dopo pochi secondi - in particolare se si era connessi a Google, in modo che quest'ultimo potesse almeno tenere traccia dell'intera cronologia di visione -, questa pratica è giunta al termine. Saltare gli annunci non è più possibile su YouTube.

Gli utenti di Internet, infastiditi, hanno cercato subito delle alternative per non essere costretti a guardare ore e ore di pubblicità su YouTube e la domanda di ad-blocker è cresciuta. Continuando la tradizione di entrate basate sugli annunci, come nel caso del prodotto Gmail, Google ha reagito. Questo fu l'inizio di una lotta continua tra Google e gli sviluppatori di diverse tecnologie di blocco degli annunci.

Il passato di YouTube con gli annunci e gli adblocker

Quando YouTube è esploso nella cultura globale, diventando la principale piattaforma video del mondo e raggiungendo un picco di upload di oltre 500 ore di nuovi video al minuto, le possibilità di monetizzare gli annunci pubblicitari erano enormi. Nel 2012 le entrate di YouTube sono state stimate in circa 3,7 miliardi di dollari, mentre l'anno successivo hanno raggiunto nuove vette con una dichiarazione contestata di 5,6 miliardi di dollari.

Google’s official statement on the use of adblockers

Dichiarazione ufficiale di Google sull'uso degli adblocker.

Gli annunci pubblicitari sono la gallina dalle uova d'oro di tutti i prodotti Google e YouTube non è da meno. Con gli annunci che scorrono prima dell'inizio di un video e di nuovo alla fine, oltre alle interruzioni pubblicitarie nei video monetizzati, cercare di guardare un video di tre minuti per una ricetta può trasformarsi in un calvario frustrante. Gli utenti stufi si sono rivolti ai front-end o alle estensioni di blocco degli annunci per evitarli del tutto, ma Google non è molto contenta che le persone non paghino il pifferaio.

YouTube e AdBlock

Esistono diverse estensioni del browser per il blocco degli annunci, e secondo alcune stime oltre un utente di Internet su quattro negli Stati Uniti utilizza una qualche forma di blocco degli annunci. Due dei più popolari sono uBlock Origin e Adblock Plus.

uBlock Origin is one of the world’s most popular adblockers.

uBlock Origin è uno degli adblocker più diffusi al mondo.

Nel 2023, Google ha fatto un passo avanti e nel suo "Manifest V3" ha modificato un'API comunemente utilizzata dagli adblocker nel browser Chrome, riducendo l'efficacia generale degli ad blocker. La mossa di proteggere i propri margini di profitto rendendo più difficile per gli utenti di Chrome evitare gli annunci non è stata ben accolta dalla comunità e ha sollevato dubbi sul loro status di monopolio inevitabile all'interno dell'ecosistema internet.

È comprensibile che vogliano trarre profitto, ma Google è riuscita a costruire Internet intorno a sé, diventando un cancro inamovibile per un Internet libero e aperto. La posizione centrale di Google non è solo un chiaro esempio di monopolio abusivo, ma questa tendenza alla centralizzazione è anche pericolosa per la sicurezza generale di Internet, in quanto crea un sistema inevitabile di guardiani e, se un grave incidente di sicurezza dovesse colpire il nodo centrale, le conseguenze potrebbero essere enormi.

Front-end alternativi

Esistono diversi modi per bloccare gli annunci pubblicitari su YouTube: i più diffusi sono le estensioni per il browser, ma è anche possibile guardare i video di YouTube tramite front-end alternativi come PeerTube o Invidious, che anche Google sta tenendo d'occhio. L'anno scorso Google ha inviato una lettera di diffida a Invidious, un progetto di front-end che non visualizza gli annunci pubblicitari, pur offrendo agli spettatori l'accesso ai video ospitati sulla piattaforma. In quanto progetto open source, Invidious non ha ovviamente i fondi per affrontare un gigante tecnologico come Google, ma gli sviluppatori e i sostenitori di un Internet senza pubblicità sono difficili da scoraggiare e si può ancora utilizzare una qualsiasi delle loro istanze online gratuite.

Anche altre aziende orientate alla privacy stanno iniziando a offrire servizi front-end simili per consentire di mantenere la privacy ed evitare gli annunci pubblicitari. Il browser e motore di ricerca DuckDuckGo, ad esempio, offre Duck Viewer come mezzo per passare meno tempo a guardare i fastidiosi annunci.

YouTube e l'iniezione di pubblicità sul lato server

L'ultima spinta nella continua lotta contro gli adblocker è l'esperimento di iniziare a iniettare annunci nei video sul lato server. Questo richiede un po' di disordine.

SponsorBlock goes public with an uncomfortable new experiment.

SponsorBlock rende pubblico un nuovo scomodo esperimento.

Attualmente, i video di YouTube vengono trasmessi dai server di Google e poi combinati con fonti pubblicitarie localmente nel browser o nell'applicazione di YouTube scelta. La nuova tattica prevede la fusione di diversi segmenti di pubblicità nel video prima che questo lasci i server per essere visualizzato sul dispositivo finale dell'utente. Questo intreccio di annunci e video renderà più difficile per gli ad blocker individuare i punti di inizio e fine degli annunci, riducendo l'efficacia degli adblocker nel loro complesso.

I detrattori degli annunci non sono certo tranquilli e sarà interessante vedere i futuri rimedi sviluppati in questo gioco del gatto e del topo che sembra non avere fine.

La tecnologia senza pubblicità non è solo possibile, ma preferibile.

È improbabile che qualcuno chieda di guardare gli annunci pubblicitari con particolare piacere, al massimo c'è un'esausta accettazione della loro presenza. Ma c'è speranza per un Internet migliore!

Le aziende orientate alla privacy hanno capito che esiste un altro modo per portare la tecnologia alle masse. Costruendo un prodotto per il quale le persone sono disposte a pagare, non c'è bisogno di ricorrere a pubblicità sempre più mirate. Noi di Tuta stiamo facendo proprio questo.

Costruendo un servizio che rispetta la privacy, con modelli di abbonamento sia gratuiti che a pagamento, siamo all'avanguardia nell'offrire un servizio completamente funzionale senza vendere i dati degli utenti. La tecnologia non deve essere predatoria, iniziate a usare servizi che si preoccupano di voi utenti!

Registratevi oggi stesso per un account Tuta Mail gratuito e riprendetevi la vostra privacy!