Il posizionamento del sito web di Tuta Mail misteriosamente ripristinato dopo il silenzio di Google sul downranking

Chiamare in causa il potere incontrollato di Google: Abbiamo bisogno di responsabilità e trasparenza.

2024-06-17
The Google Search problem is bigger than you might think: For two months the Tuta website was barely visibly on Google - while the tech giant simply remained silent, denying any responsibility.
Per due mesi il sito web di Tuta Mail è stato nascosto dai risultati di ricerca di Google. Questo ha avuto un impatto significativo sulla nostra visibilità e, nonostante i ripetuti tentativi di contattare Google, il gigante tecnologico è rimasto in silenzio. Ad aprile abbiamo deciso di rendere pubblico il problema e abbiamo presentato un reclamo basato sul DMA alle autorità di regolamentazione dell'UE, cosicché, miracolosamente, il 9 maggio il ranking del nostro sito web è stato ripristinato. Questo incidente sottolinea una questione molto più ampia: l'immenso potere incontrollato che Google esercita sulla visibilità online e il potenziale di abuso nei confronti dei concorrenti più piccoli.

Il 7 marzo 2024, Google ha inspiegabilmente declassato il sito web di Tuta Mail nei suoi risultati di ricerca. Sebbene Tuta Mail sia un importante fornitore di servizi di posta elettronica criptata, che si concentra sulla sicurezza e sulla privacy, il nostro sito web è stato completamente declassato per termini come "e-mail sicura" e "e-mail criptata". I risultati di ricerca per il nostro sito web erano limitati esclusivamente ai cosiddetti termini di ricerca "di marca", ad esempio quelli che includevano il nostro marchio come Tuta, Tutanota o Tutamail. Di conseguenza, solo le persone che già conoscevano l'esistenza di Tuta erano in grado di trovare il nostro sito web tramite Google Search, mentre tutti i nuovi potenziali clienti non erano in grado di trovare la nostra soluzione di posta elettronica crittografata.

Di fronte a questo enorme problema con Google Search e a un calo di visibilità del sito web di Tuta di circa il 90% nei risultati di ricerca di Google, abbiamo cercato di metterci in contatto con Google, sia attraverso i canali ufficiali che sui social media, ma invano. Il 24 aprile, quindi, abbiamo presentato un reclamo formale all'UE, affinché quest'ultima indaghi se le azioni di Google nel declassamento di un concorrente diretto violino la recente legge sui mercati digitali (DMA). Accogliamo con favore il fatto che l'UE abbia già avviato un'indagine contro Google, Apple e Meta per verificare se queste grandi aziende tecnologiche stiano rispettando a sufficienza il regolamento DMA. Non siamo esperti di diritto, ma ciò che Google ha fatto al nostro sito web e ciò che Apple sta facendo con la sua nuova politica dell'App Store per gli sviluppatori di applicazioni, sembrano esempi evidenti di cattiva conformità.

Il silenzio e la mancanza di trasparenza di Google

Il declassamento completo di un sito web come il nostro per termini di ricerca non di marca ha sollevato serie preoccupazioni circa l'equità e la trasparenza dei processi di posizionamento di Google. Nonostante i nostri ripetuti tentativi di chiedere chiarimenti, Google è rimasto in silenzio. Solo dopo che abbiamo reso pubbliche le informazioni, Google ha rilasciato una dichiarazione vaga e non trasparente sul motivo per cui Tuta Mail è stata declassata a Reuters e ad altri media, e non a noi, affermando che:

"Gli aggiornamenti del ranking di ricerca non mirano assolutamente a privilegiare i prodotti di Google, o qualsiasi altro sito web in particolare". Il provider di posta elettronica in questione è facilmente accessibile a livello globale su Search", ha dichiarato un portavoce a Reuters, "apprezziamo il feedback e valuteremo come garantire che Search continui a restituire i risultati più utili e pertinenti".

Tuttavia, dopo questa dichiarazione non è cambiato nulla. Il nostro sito web è rimasto declassato e non siamo stati in grado di discutere direttamente il problema con Google.

Solo quando GCR, un'agenzia di stampa che si occupa di questioni legali, ha riportato la questione segnalando che al reclamo della DMA poteva seguire un'escalation legale da parte nostra. In seguito a questo articolo, sembrava che Google avesse preso provvedimenti... O era una coincidenza?

Il miracoloso ripristino solleva altre domande

In ogni caso, due giorni dopo la pubblicazione del rapporto da parte di GCR, il posizionamento del sito web di Tuta è stato misteriosamente ripristinato alla posizione precedente. Sebbene siamo sollevati dal fatto che la nostra visibilità su Google Search sia stata ripristinata, la mancanza di spiegazioni o comunicazioni da parte di Google è inaccettabile e non dovrebbe passare inosservata. Questa sequenza di eventi solleva seri interrogativi sulla correttezza e sulla responsabilità delle pratiche di Google, in particolare nei confronti dei concorrenti più piccoli come noi che danno priorità alla privacy degli utenti.

Position of the Tuta website on Google when searching for "secure email". Posizione del sito web di Tuta su Google quando si cerca "email sicura" tra il 1° marzo e il 1° giugno (una posizione più alta è migliore).

Il potere incontrollato di Google

Google sostiene che l'aggiornamento dell'algoritmo di ricerca del 7 marzo era molto "complesso" e che poteva portare a fluttuazioni nel ranking. Questa spiegazione è semplicemente un tentativo di spostare la responsabilità da Google all'algoritmo stesso.

Tuttavia, è fondamentale ricordare che Google controlla l'algoritmo, anche se non può prevedere o comprendere appieno le conseguenze degli aggiornamenti.

L'azienda ha il potere di modificarlo e manipolarlo a suo piacimento e, pertanto, deve essere ritenuta responsabile dei suoi risultati. Dare la colpa all'algoritmo non è una scusa per la mancanza di trasparenza e comunicazione, né giustifica il potenziale danno causato alla nostra attività.

Questo incidente mette in luce una realtà inquietante: un'azienda ha un potere immenso nel decidere chi viene visto online e chi no. Il controllo di Google sui risultati delle ricerche, unito alla sua enorme quota di mercato nel settore, in particolare in Europa e in Nord America, può far nascere o fallire le aziende, soprattutto quelle che, come Tuta Mail, sfidano i prodotti di Google offrendo un'alternativa a Gmail incentrata sulla privacy. Questo tipo di potere e di potenziale abuso si estende oltre le aziende e può avere un impatto anche sulla politica, sulla salute pubblica e sull'accesso alle informazioni.

Il potenziale di abuso è enorme e la mancanza di trasparenza non fa che aumentare il rischio.

La necessità di rendere conto

È fondamentale capire come prevenire in futuro l'ingiusto declassamento di Tuta Mail da parte di Google e altri episodi simili e quali misure possono garantire che i giganti tecnologici come Google siano ritenuti responsabili delle loro azioni.

Ecco alcuni punti chiave che riteniamo necessitino di attenzione immediata:

1. Comunicazione trasparente

Google deve fornire una comunicazione chiara e diretta in modo tempestivo quando si verificano cambiamenti così significativi, soprattutto quando hanno un impatto sulle aziende e sulla loro visibilità su Google Search. Data la posizione dominante del mercato e il monopolio di Google sulla ricerca, l'Unione Europea deve assicurarsi che le aziende europee ottengano una giusta quota di visibilità.

2. Trattamento equo dei concorrenti

Devono essere previste misure di salvaguardia per garantire che Google non prenda ingiustamente di mira i suoi concorrenti, in particolare quelli che offrono soluzioni alternative che danno priorità alla privacy degli utenti. In caso di incidenti come il downranking del sito web di Tuta in Google Search, deve esserci un rapido accesso a tecnici competenti da parte di Google che siano in grado e disposti a esaminare il problema e a risolverlo, senza che sia necessaria l'attenzione dell'opinione pubblica prima di intraprendere qualsiasi azione.

Lotta per un web migliore

Nel nostro mondo digitalizzato, dominato da aziende tecnologiche come Google, è essenziale stabilire meccanismi trasparenti e di supervisione per garantire che nessuna singola entità possa influire unilateralmente sull'accessibilità dei servizi e delle informazioni senza alcuna responsabilità. Siamo ancora in attesa di una risposta da parte di Google sul motivo per cui il nostro sito è stato declassato per due mesi e su cosa intende fare per evitare che tali problemi si ripetano in futuro.

Invitiamo i nostri utenti, tutti i sostenitori della privacy e la comunità tecnologica nel suo complesso a unirsi a noi nel chiedere una maggiore responsabilità da parte di Google. Condividete i vostri pensieri e le vostre esperienze e lavoriamo insieme per costruire un Internet equo e trasparente per tutti!

Siamo qui per costruire un web migliore, dove la vostra privacy sia rispettata. Ma per avere successo, abbiamo bisogno del vostro aiuto contro i giganti tecnologici come Google. Con la crescita della comunità della privacy, diventeremo più forti delle grandi tecnologie. Grazie per esservi uniti alla nostra lotta per la privacy e per un web migliore!